sabato 26 gennaio 2008

Sfinci di San Giuseppe

Lo so, è un po' presto, ma visto che quest'anno la Pasqua è decisamente bassa, la favolosa teoria dei dolci fritti (che sono quelli che preferisco, io AMO il fritto) ha già preso l'avvio. Approfitto di un'iniziativa del nuovo blog di SCC: scrap-ricetta a premi.





Ingredienti
Per le sfinci
300 ml di acqua
300 g. di farina bianca
70 g. di strutto
5 uova
1 pizzico di sale
Scorza grattugiata di limone


Per la crema
300 g. di ricotta di pecora
150 g. di zucchero
Canditi: scorza d’arancia, ciliegie, zucca
Cioccolato a scaglie
Granella di pistacchio
Vaniglia

Olio o strutto per friggere

Preparo la crema: la sera prima metto in una ciotola la ricotta ben sgocciolata e lo zucchero. Mescolo sommariamente e lascio riposare tutta la notte. Il giorno seguente passo la crema al setaccio fine, più volte, finchè non è liscia (NON uso assolutamente il frullatore: la crema di ricotta è una crema pesante). Condisco con cioccolato a scaglie e dadini di zuccata, e profumo con la vaniglia.

Preparo le sfinci: Metto a bollire l’acqua in una pentola, con lo strutto e un pizzico di sale. Quando lo strutto si è sciolto, fuori dal fuoco, verso la farina tutta insieme e mescolo energicamente. Aggiungo la scorza di limone e rimetto sul fuoco. Continuo a mescolare finchè il composto si stacca dalle pareti della pentola: ci vorranno circa 10 minuti. Lascio raffreddare, poi aggiungo le uova, uno alla volta, mescolando molto accuratamente: non ne aggiungo un altro, fino a che il precedente non è completamente assorbito.
Preparo l’olio, o meglio, lo strutto, per la frittura: il recipiente deve essere profondo e il grasso abbondante. Aiutandomi con un cucchiaio, verso il composto nell’olio caldo, ma non al punto di fumo; per ogni sfincia ci vorranno 3 cucchiaiate. La pasta rotola su se stessa nell’olio caldo: la punzecchio con la forchetta e la batto leggermente al centro per darle la caratteristica forma di due sfere adiacenti. Quando le sfinci sono ben dorate e gonfie le metto a sgocciolare su carta da cucina.
Una volta tiepide, le riempio di crema (ma non eccessivamente), e ne metto un po’ anche nell’incavo che avevo creato durante la frittura. Vi adagio sopra la granella di pistacchio, la scorza d’arancia candita, la ciliegia.
Ricetta lunga e un po’ elaborata, ma ne vale la pena: io ADORO le sfinci.

9 commenti:

  1. Franca non si mettono queste ricette sui blog quando le amiche sono a dieta!!!!!! hihihihi scgerzo... e poi la paginetta è meravigliosa! ^-^

    RispondiElimina
  2. mi sto sciogliendo... che bontà!
    io alla dieta ho rinunciato, qui una festa tira l'altra!

    RispondiElimina
  3. che buoni gli spincioni!!!
    e complimenti anche per la grafica del blog ;)

    RispondiElimina
  4. Ma che bello!!!Quando ho visto il feed sul tuo blog e si è aperta la pagina con il titolo Sfinci di S.Giuseppe è stata una grande emozione...anche io sono siciliana e vedendo questa ricetta ho pensato quando li faceva mia mamma...che bello, e che buoni che sono!!Chissà magari quest'anno li preparo anch'io...;)

    RispondiElimina
  5. BUONEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!

    RispondiElimina
  6. mio diooo che meravigliaaaaa!
    La tua pagina è bellissima ma non oso pensare a quanto siano buoni questi dolci....mi hai fatto venire l'acquolina in bocca!! ho trascritto la ricetta e prima o poi ci proverò

    Anna Maria

    RispondiElimina
  7. Ho assaggiato tanti dolci siciliani (tutti squisiti) ma questi mi mancano!
    Complimenti, voi siciliani siete dei veri artisti

    RispondiElimina
  8. acquolonaaaaaaaa, altro che acquolina!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina