venerdì 8 luglio 2011

di demenza e romanzi

Oggi debutto con la badante (che parola brutta!). Mi faccio gli “in bocca al lupo”, perchè la cosa mi carica di intensa agitazione: salterei la parte del tutorato, per approdare ad un rassicurante “delegare”, o addirittura rinuncerei e continuerei a dannarmi perchè le giornate lavorative hanno solo 18 ore… Mi piacerebbe riuscire a capire qual è la molla che mi rende tanto difficile farmi aiutare! Eppure ne ho assolutamente bisogno. La mia esperienza con la demenza senile cresce con il tempo (ahimè, è ben presente nei miei geni). Presenta aspetti diversi, più o meno difficili da gestire; e ancora non digerisco il ricovero di papà in una struttura (magnifica gabbia dorata). La zia, a dispetto di un caratteraccio, è più propensa a stare in casa e, pertanto, più controllabile  (…abita di fronte casa mia…). Debutto con la badante, e la settimana che viene sarà molto molto stressante, se mi voglio concedere un po’ di ferie.
Che c’entrano i libri? C’entrano.
Viaggi nello scriptorium e Il cimitero di Praga. Le defaillances mentali dei protagonisti mi hanno (troppo) coinvolto, anche se con risvolti diversi: i Viaggi commuovono, sono struggenti fino al dolore fisico; il Cimitero, con le vite parallele del protagonista tanto simili ai piani  diversi su cui si muove la zia, mi ha angosciato (e un bel po’ annoiato, ma questa è un’altra storia).
Mi faccio gli “in bocca al lupo”: che mi torni la voglia di fare, per il piacere di fare, e non per raggiungere una sorta d’oblio, figlio degli automatismi dell’uncinetto……
il popolo degli amigurumi cresce, cresce… ho perso il conto delle piante grasse e delle kokeshi, delle matrioske e dei dolcetti…
Doverosa precisazione: mentre le kokeshi nascono da un pattern mio, gli altri amigurumi si trovano in rete.
I PICCIONCINI: http://www.crochetville.org/forum/showthread.php?t=116015
ALIM1886
i DOLCETTI: http://nimoe.wordpress.com/2007/12/16/cupcake-pattern/
ALIM1890
il KOALA è tratto dal libro Tiny yarn animals di Roxycraft
il GRANCHIO: http://sites.google.com/site/nareeoocrochet/crochepattern/crabbyfreecrochetpattern/crabby_crochet_pattern.pdf
il POLIPETTO: http://www.lionbrand.com/ (pattern n.81095 AD)
ALIM1887
(ieri una melanzana mi ha sorriso)
IM000147

12 commenti:

  1. Franca che meravigliaaaaaa!ma usi dei pattern o li fai a tua fantasia? io uso solo pattern perchè non sono molto brava ad andare ad occhio e quando inizio a disfare il lavoro mi innervosisco e lascio perdere!
    In ogni caso sono tutti bellissimi! In bocca al lupo per la badante...un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. @ Enri: Grazie! ho provveduto a segnalare le fonti, si vede che proprio non ci sto con la testa...

    RispondiElimina
  3. Trovo adorabile "ieri una melanzana mi ha sorriso" :-)
    Che poesia.
    Un abbraccio, ciao
    e°*°

    RispondiElimina
  4. Adoro il polipetto rosa! Forse un giorno proverò anche io ad entrare nel mondo amigurumi!

    RispondiElimina
  5. dice il saggio:
    "se la melanzana è felice
    tu tlovelai la pace"

    *nota la consonanza*

    dice ancola quel lompiballe del saggio:
    "tla badanti, amigulumi,
    sigalette che non fumi,
    con un caldo che si scioglie
    e fa passar tutte le voglie,
    tu continua, taglia e cuci
    e io ti mando tanti baci!!

    RispondiElimina
  6. sei gia' nella fase della consapevolezza, sono certa che prima o poi (piu' prima pero', eh) riuscirai a mollare un pochino...e poi vedi anche le melanzane ti sorridono ;-)

    RispondiElimina
  7. ti abbraccio e ti sono vicina, vedrai che sarà + semplice di quel che pensi :-))

    grazie per la segnalazione dei pattern, dopo aver ricevuto il tuo bellissimo polipetto ho deciso di 'convertirmi' agli amigurumi, ho comprato un libro ma non ci sono molti schemi :-((
    questi che hai segnalato me li salvo ;-)

    RispondiElimina
  8. Cara Franca, leggendo il tuo post ho rivissuto la storia appena finita con la demenza di mio papà. La demenza è una "PERFIDA FINE" della vita, per chi ne viene colpito . Ti priva della dignità e ti rende incomprensibile a chi ti sta vicino. E' molto dura stare al fianco di malati di demenza, ma per la mia esperienza la cosa più importante per chi come te ha questo compito è quello di iniziare a DELEGARE ad altri quello che tu fai.
    Faccio parte di un Gruppo di Auto Aiuto di familiari con anziani malati di Alzheimer da 10 anni ed è la cosa che ci hanno ripetuto di continuo per poter sopravvivere al malato.
    Se dove tu abiti ci sono Gruppi di questo tipo prova a partecipare, noi ci siamo aiutati molto e ci incontriamo ancora nonostante le storie di ognuno siano cambiate.
    Scusa se mi sono dilungata, ma non ho potuto farne a meno.
    Ti abbraccio con affetto e ti auguro di riuscire a staccarti almeno un pò.
    Chicca

    RispondiElimina
  9. Cara Franca, ti conosco solo attraverso questo blog ma ti sono vicina.
    Purtroppo anch'io ci sono passata con mia mamma...che vita!!
    Ha ragione Chicca: delega, da sola e' veramente dura.
    Un abbraccio affettuoso Giovanna.
    P.S. adoro i tuoi amigurumi!

    RispondiElimina
  10. Ciao, questa melanzana sorridente è la cosa più bella di questa disastrosa giornata. Felice di esser passata da te, ciao ciao

    RispondiElimina
  11. I piccioncini mi fanno impazzire. Corro a vedere se capisco le spiegazioni. Grazie

    RispondiElimina